Aldo Benedetti

Aldo Benedetti è professore associato (ICAR 14) titolare dell’insegnamento di Architettura e Composizione Architettonica I° e del Laboratorio di Progettazione di Architettura e Composizione Architettonica I° nel corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura dell’Università degli Studi dell’Aquila dove ha tenuto anche il corso Caratteri Distributivi degli Edifici (1992-1998).
Dal 2009-2010 è anche docente supplente del corso di Architettura e Composizione Architettonica II°
Dal 1995 insegna presso l’Accademia dell’Immagine dell’Aquila dove tiene il corso di “Analisi dell’Immagine dello Spazio Architettonico”.
Prima di entrare nei ruoli universitari (1983) ha svolto attività di progettazione e ricerca come architetto della Soprintendenza B.A.A.S. per l’Abruzzo (1978-1983).
Docente in workshop internazionali di progettazione architettonica in Italia e all’estero presso l’Université de Cergy-Pontoise, la South China University of Technology di Canton, Shibaura Institute of Technology di Tokyo, la Pontificia Universidad Católica Madre y Maestra di Santiago della Repubblica Dominicana, Politechnika Gdanska di Danzica ha tenuto seminari e lezioni nell’ambito di master e dottorati di ricerca.
E’ responsabile scientifico dei workshop internazionali di progettazione architettonica organizzati dall’Ateneo dell’Aquila nell’ambito dei rapporti bilaterali con alcune Università Europee, Asiatiche e Centro-americane.
E’ membro aggregato del Collegio dei docenti nel Dottorato di Ricerca in Ingegneria Edile/Architettura UE con sede amministrativa presso l’Università degli Studi di Pavia (sedi consorziate: Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e Università degli Studi dell’Aquila) dove è, anche, tutor di tesi di dottorato.
Fa parte del Collegio dei docenti del Dottorato dal titolo "Recupero, Progetto e Tutela nei contesti insediativi e territoriali di elevato valore ambientale e paesistico" dell'Università degli Studi dell'Aquila.
Ha insegnato nel master universitario di II° livello “Progettazione di Prodotto” presso l’Università dell’Aquila, nell’ambito del progetto “Sistema Abruzzo” (2007-2008).
Nel 2008 è stato coordinatore e docente del percorso formativo esperienziale "Nuovo Welfare Urbano. Innovazione e progettazione di servizi e attrezzature" svolto nel quadro dei programmi FIxO Azione 3, promosso dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale e da Italia Lavoro.
E’ stato collaborateur scientifique della Facultè Polytechnique de Mons (Belgio) per l’anno accademico 2005-2006.
Invitato da istituzioni universitarie e da enti di ricerca a tenere conferenze e lezioni (VUVA di Praga, l’Ecole d’Architecture Paris-Val-De-Seine, la Faculté Polytechnique de Mons, Shibaura Institute of Technology di Tokyo e KIDI Parsons di Kanazawa, Politechnika Gdanska) è stato relatore in convegni e ospite di trasmissioni radiofoniche (Rai 3 Suite) e televisive (NHK, Channelbeta) concernenti l’architettura e gli spazi urbani.
Nel settembre 2006 è stato organizzatore del convegno internazionale d’architettura “Il Nuovo e i Contesti Consolidati" (L'Aquila), in collaborazione con la DARC e il Ministero dei Beni ed Attività Culturali e, nella stessa occasione, della mostra sulle “Tesi di Laurea in Architettura e Composizione Architettonica” presso il Castello Cinquecentesco dell’Aquila curando, con Sergio Rotondi, il relativo catalogo dal titolo "Architettura Infrastruttura Spazio urbano" (Alinea, 2007).
Ha curato mostre di architettura tra le quali “Spazio Pubblico e Città” (1989) presso il Vittoriano a Roma. La mostra itinerante è stata ospitata in diverse città europee.
E’ stato consulente di società di ricerca su programmi commissionati dal C.E.R.- Ministero LL.PP.
E’ autore di articoli e saggi pubblicati su riviste d’architettura italiane e straniere: L’Architettura. Cronache e storia, Arquitectos, Au. Arredo Urbano (di cui è stato redattore), Artinumbria, Casa Vogue, Controspazio, Costruire,Il giornale del DO.CO.MO.MO., L’Industria delle Costruzioni, L’Ingegnere Italiano, Edilizia Popolare, Rassegna d’Architettura e Urbanistica, Techniques & Architecture.
Ha pubblicato per i tipi di Zanichelli, Artemis, Gustavo Gili, Skira e Liguori.
E’ autore del volume “Foster”, Zanichelli, Bologna, 1988, tradotto in tedesco e pubblicato da Artemis, Zurigo, 1989.
L’edizione aggiornata è stata pubblicata in versione bilingue (spagnolo-inglese) da Gustavo Gili, Barcellona, 1994.
Le sue ricerche sono principalmente rivolte alle tematiche concernenti il progetto dell’architettura moderna e contemporanea, in particolare nel rapporto con i contesti storici e paesaggistici. Altri campi d’interesse riguardano le questioni tipologiche e del linguaggio.
E’ stato coordinatore e membro di gruppi di ricerca su progetti d’interesse nazionale e internazionale.
Nel triennio 1993-1995 è stato responsabile dell’unità locale della ricerca d’interesse nazionale sulla “Costruzione della Città Moderna nel contesto Italiano”, diretta da Mario Coppa.
Per periodo 2004-2007 è coordinatore del gruppo nazionale dell’Università dell’Aquila nella ricerca “Development of Human Resource Capacity for all-embracing stocktaking of urbanistic-architectural cultural heritage in Asia and Europe” condotto con la Technische Universität di Dresda (Germania), la National University of Laos di Vientiane (Laos), la Hanoi University of Civil Enineering (Vietnam), Kunming University of Science and Technology (Cina), nell’ambito dei programmi Asia-Link sulle problematiche del patrimonio architettonico ed urbanistico in Europa ed in Asia.
I suoi lavori sono stati pubblicati ed esposti in mostre in Italia e all’estero.
Nel 1989 al suo progetto “Omaggio a Licini” è stato assegnato uno dei premi nella prima edizione del concorso internazionale EUROPAN sulla residenza e nuovi modi di vita.
Su incarico dell’Ateneo Aquilano ha progettato i nuovi edifici per la didattica e la ricerca destinati alle Facoltà di Scienze, d’Ingegneria e di Scienze Motorie. Di alcuni di essi è in corso la progettazione esecutiva.
E' autore del progetto di ristrutturazione degli uffici del Dipartimento di Architettura e Urbanistica.
La sua ricerca progettuale è, attualmente, volta alla elaborazione degli spazi per la prima infanzia e per l’educazione.
In tale ambito, dal 2005 ha progettato complessi a Reggio Emilia, Modena, Vignola (realizzato nel 2009), Ozzano dell’Emilia e Roma.
Durante la fase emergenziale del dopo sisma 2009 a L'Aquila ha svolto attività di progetto per la rinascita della città.
E' stato, consulente architettonico, per il progetto dell'Auditorium Temporaneo e del Conservatorio di Musica "Alfredo Casella" dell'Aquila coordinato da Shigeru Ban (maggio-settembre 2009) per conto del Governo Giapponese.
Ha coordinato il gruppo di lavoro per il progetto "Città dello Sport" all'Aquila (giugno-settembre 2009) per conto dell'Associazione benefica "Forza L'Aquila".
Ha partecipato nel gruppo UOISP dell'Ateneo al progetto della riconversione del complesso industriale dismesso ex-Optimes a L'Aquila quale nuova sede temporanea della Facoltà d'Ingegneria dell'Università degli Studi dell'Aquila.

 

torna indietro